Radiazioni ottiche della "mise en pratique" del metro

La realizzazione dell'unità di lunghezza secondo le prescrizioni della Mise en Pratique

Il laboratorio si occupa della realizzazione della definizione del metro, del mantenimento e della disseminazione dei campioni di lunghezza d’onda, in ottemperanza alla Legge n. 273 dell'11 agosto 1991.

Il laboratorio è posto al vertice della piramide metrologica, assicurando la riferibilità all'unità di misura sul territorio italiano.

Il rispetto dei requisiti del CIPM Mutual Recognition Arrangement garantisce, attraverso il mantenimento del sistema di qualità e la partecipazione a confronti internazionali, l'equivalenza con gli Istituti metrologici primari stranieri e il mutuo riconoscimento dei certificati di taratura.

La realizzazione del metro avviene mediante due metodi alternativi: tramite la misura della frequenza assoluta di un laser o tramite la cosiddetta "Mise en Pratique".

Nel primo caso si utilizza un pettine di frequenza per misurare la frequenza assoluta f della sorgente laser, ottenendo la lunghezza d’onda in vuoto λ0 dalla formula λ0 = / f, dove c è la velocità della luce nel vuoto.

Nel secondo caso, si stabilizza la frequenza di un laser per riferimento ad una delle radiazioni raccomandate dal Comité Consultif pour la Longeur.

contatti
Ricercatore
Tel. 011 3919 952 / 011 3919 954 
Ultima modifica: 26/05/2017 - 15:43