Breve storia del Sistema Internazionale delle unità di misura

Il Sistema Internazionale delle unità di misura (SI) è il linguaggio comune e condiviso con cui i paesi del mondo che aderiscono alla Convenzione del Metro esprimono oggi le loro misurazioni.

Dall'età dei lumi alla Convenzione del Metro

Il cammino che ha condotto all’attuale SI è stato lungo: inizia con l’Illuminismo e con l’introduzione del sistema metrico decimale al tempo della Rivoluzione Francese.

L’esistenza di unità di misure diverse è sempre stata un ostacolo per gli scambi commerciali. Nel 1700 il problema era avvertito in tutta la sua importanza anche dagli scienziati, che avevano bisogno di far conoscere e confrontare i risultati dei loro esperimenti.

Per avere un unico linguaggio delle misure a livello internazionale occorre però attendere fino al 1875: il 20 maggio di questo anno i rappresentanti di 17 nazioni, tra cui l’Italia, firmano un accordo detto Convenzione del Metro, che sancisce  l'adozione delle stesse unità di misura da parte di tutti i contraenti.

Al tempo il Sistema di unità di misura è noto come Sistema MKS perché è basato su tre unità fondamentali: metro, kilogrammo e secondo.

Da tre a sette unità di misura di base
Logo del Sistema Internazionale delle unità di misura

In seguito vengono aggiunte altre unità di base per le misure elettriche e di temperatura e per l’intensità luminosa.

Nel 1960 viene fondato il Sistema Internazionale, costituito da sei unità di base: metro, kilogrammo, secondo, ampere, kelvin e candela.
Nel 1971 si aggiunge una settima unità, la mole.

Dalle sette unità fondamentali si ricavano le unità derivate (ad esempio, metro quadrato, metro cubo, metro al secondo, kilogrammo al metro cubo, ampere al metro… e poi quelle dai nomi speciali: newton, pascal, joule, volt, ohm…).

Un sistema in evoluzione

Il sistema con cui si esprimono le misure è da sempre in continua evoluzione. Basta pensare al fatto che dalla Convenzione del Metro ad oggi le unità di misura di base sono passate da tre a sette.

Inoltre, prima dell'adozione del kelvin, l'unità di misura della temperatura è stata a lungo il grado centigrado, in seguito ribattezzato grado Celsius.

E ancora: un tempo il metro, l'unità di misura di base della lunghezza, era definito come la distanza tra due tratti paralleli sulla faccia di una sbarra di platino-iridio tenuta alla temperatura di 0 °C. Oggi è invece definito come la distanza che la luce percorre nel vuoto in un tempo pari a 1/299.792.458 di secondo.

Logo del nuovo Sistema Internazionale delle unità di misura

Il prossimo passo sarà la ridefinizione di tutte  unità di misura fondamentali a partire dal valore di alcune costanti fisiche. Il legame con le costanti permetterà di realizzare campioni più precisi e stabili e riproducibili ovunque (a patto, ovviamente, di disporre della tecnologia adeguata).

Ultima modifica: 07/11/2018 - 13:27