DUE METROLOGI FRA I VINCITORI DEL PREMIO “ENRICO FERMI”

31/07/2020

Patrizia Tavella del Bureau International des Poids et Mesures (BIPM) di Sévres e Giovanni Mana dell’Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM) verranno insigniti “per i loro originali e importanti contributi alla misura del tempo e alla definizione della massa” del prestigioso premio “Enrico Fermi”, dedicato a coloro i quali hanno particolarmente onorato la fisica con le loro scoperte .

Il premio, istituito nel 2001 in occasione del centenario della nascita di Fermi dalla Società Italiana di Fisica (SIF), verrà conferito il 14 settembre, nel corso della Cerimonia Inaugurale del 106° Congresso Nazionale della Società Italiana di Fisica, quest'anno in modalità telematica. I vincitori del Premio vengono individuati da una commissione di esperti nominati dalla SIF, dal CNR, dall'INAF, dall'INFN, dall'INGV, dall'INRIM e dal Centro Fermi. 

Tavella, direttrice del dipartimento "Tempo" del BIPM di Sèvres e già responsabile della sezione dell'INRIM dedicata allo studio dei campioni di tempo e frequenza, dedica la sua attività di ricerca allo sviluppo di algoritmi matematici e statistici per la definizione di scale di tempo e la caratterizzazione dell’efficienza di orologi atomici, con numerose collaborazioni in Italia e in Europa. Mana, dirigente di ricerca presso l'INRIM, ha giocato un ruolo chiave nella ridefinizione del kilogrammo tramite costanti fisiche universali, grazie alla sua ricerca è dedicata agli aspetti teorici e matematici delle misure di precisione finalizzate alla ridefinizione del Sistema Internazionale delle unità di misura.

I due ricercatori ringraziano le strutture e i gruppi di ricerca con cui hanno condiviso il proprio lavoro. Il Premio rappresenta, nelle parole di Mana, “l'apprezzamento del mio lavoro e di quello di quei colleghi presenti e passati, senza i quali nessun risultato sarebbe stato ottenuto”, mentre Tavella ricorda e ringrazia “il gruppo dell’INRIM impegnato nel progetto Galileo, il sistema di navigazione europeo, e tutti gli studenti e collaboratori per la dedizione, l’entusiasmo, l’intraprendenza, l’impegno e l’allegria che hanno permesso di imparare e costruire competenze importanti”.

 
Ultima modifica: 31/07/2020 - 16:17