Aspettando la Notte

Cielo sul far della notte
Verso la Notte in compagnia dell'INRIM

Anche quest'anno l'Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRiM) partecipa al programma di avvicinamento alla Notte Europea dei Ricercatori con "Aspettando la Notte", ciclo di tre videoconferenze trasmesse sul canale YouTube SIMISURA e sul sito INRIM.

La Notte dei Ricercatori è una manifestazione promossa e finanziata dalla Commissione Europea e si svolge ogni anno, di solito l’ultimo venerdì di settembre, in centinaia di città d’Europa. A Torino, dove l'INRiM ha la sua sede centrale, l’edizione 2021 della Notte è organizzata dal Politecnico, in collaborazione con l'Università degli Studi, nell’ambito del progetto nazionale SHARPER, che coinvolge anche le città di Ancona, Cagliari, Camerino, Catania, Genova, L’Aquila, Macerata, Nuoro, Pavia, Palermo, Perugia, Sassari, Terni, Trento e Trieste.

Il programma della Notte è anticipato da un fitto calendario di pre-eventi: dal 9 al 23 settembre, nell’attesa di venerdì 24, sono infatti previsti webinar, passeggiate a tema e incontri con i ricercatori, tra cui una serata di divulgazione multidisciplinare.

Il Programma INRIM: appuntamenti dal 9 al 23 settembre

L’appuntamento con i pre-eventi INRiM è il giovedì, alle 11, sul canale YouTube SIMISURA, dove sarà pubblicata una videoconferenza: tre incontri in totale, in cui i nostri ricercatori spazieranno dalla fisica classica alla fisica quantistica e vi mostreranno alcune sorprendenti applicazioni scientifiche, frutto delle conoscenze acquisite nel tempo sulle proprietà della luce e del campo magnetico terrestre.

L’accesso al canale YouTube SIMISURA sarà anche disponibile su questa pagina web del sito INRiM istituzionale.

"Cosa succede sotto i nostri piedi?" - Prima Videoconferenza
Locandina del primo pre-evento INRIM

Cosa succede sotto i nostri piedi? Oggi ce lo dicono le fibre ottiche, che, come scopriremo, non servono solo per avere una connessione internet più veloce! Ma che cos'è una fibra ottica? E' un filo di vetro, poco più spesso di un capello, che può essere reso lungo centinaia di chilometri e che possiede la capacità di trasmettere i segnali di luce a grande distanza, facendo loro compiere anche curve e percorsi complessi.

Nel video, Cecilia Clivati ci fa conoscere meglio questi sottilissimi cavi di vetro e le loro proprietà: vedremo così come, misurando il tempo impiegato dalla luce nel suo cammino all'interno delle fibre ottiche collocate sui fondali oceanici, i sismologi riescono a rilevare il verificarsi di terremoti sottomarini. 

"Scuola guida per fotoni" - Seconda Videoconferenza
Locandina del secondo pre-evento INRIM

Che cosa sono esattamente i fotoni? E perché gli scienziati sono così attratti dal loro comportamento? Alcune risposte alle vostre domande potete trovarle nei laboratori INRIM di ottica quantistica!

Parlando dei fotoni, cioè dei microscopici corpuscoli che compongono la luce, Marco Gramegna accompagna lo spettatore in un viaggio virtuale a cavallo tra relatività generale e meccanica quantistica, la teoria che sovverte le leggi della fisica classica, ampliando il nostro orizzonte di conoscenze a nuovi fenomeni e nuovi campi d’indagine. 

"Il tempo ritrovato" - Terza Videoconferenza
Locandina del terzo pre-evento INRIM

Ci sono fenomeni naturali che prescindono dalla percezione umana, ma che sono persino in grado di mettere in discussione le nostre credenze più profonde su quello che pensiamo sia il mondo. Uno di questi fenomeni è il magnetismo terrestre.

In questo video Enzo Ferrara ci guida alla scoperta del campo magnetico del nostro pianeta per capire quali ne siano le origini, le cause e le conseguenze. Un viaggio nel tempo, dal passato più remoto ad epoche più recenti, nel corso del quale vedremo come il magnetismo terrestre possa essere utilizzato nella datazione sia delle ere geologiche sia di reperti risalenti agli ultimi duecentomila anni, come ceramiche, pigmenti colorati, terrecotte e mattoni. Questioni di magnetismo, geologia, biologia e archeologia si intrecciano per un breve seminario davvero interessante e interdisciplinare!

Ultima modifica: 24/09/2021 - 09:25